Vendere online auto usate- truffa acquirente estero

A contattarci tramite il nostro annuncio questa volta è un acquirente francese che risiede in Costa d’Avorio (ma è solo uno dei paesi usati come “base”) e che dichiara che a breve dovrà venire a vivere in Italia. Da subito si mostrerà disponibile all’acquisto senza nessuna obbiezione ne reserve sulle reali condizioni della vostra auto( cosa già non credibile). Vi chiede di pagarvi anticipatamente tramite bonifico e vi invia la ricevuta, ad un certo punto vi contatta una società antiriciclaggio che vi chiede la buona fedee e la vericidà della trasazione, a quel punto gli date l’ok ma l’ufficio vi chiede 300.00 € per lo sblocco del bonifico a vostro favore, ma i soldi non vi arriveranno mai.

I campanelli d’allarme

Nella risposta non viene chiesta nessuna info della vostra auto usata. La risposta non è quasi mai firmata. Il metodo di pagamento richiesto per il pagamento della fantomatica tassa è tramite Western Union oppure Money Transfer che non permettono di risalire alla persona che ha incassato il denaro.

Come difendersi dalla truffa

Il primo è più ovvio consiglio è di provare a rispondere con una frase insensata, la maggior parte delle volte vi risponderanno lo stesso. Interrompete poi ogni contatto con il finto acquirente inserendolo tra i mittenti di spam ed avvertite l’amministratore del sito nel quale avete inserito l’annuncio del tentativo di truffa.